Andel
Andel : Liberty a La Spezia
il 5/5/2010 18:40:00 (10661 letture)

Manifesto del Liberty spezzino

Gli amministratori della città a pochi anni dall'Unità d'Italia lanciano il primo segnale di apertura all'Arte- Industria con l'acquisto del Palco della Musica, che non è solo un prezioso oggetto di arredo urbano, ma è emblema di una mentalità modernista che si preoccupa di progettare lo spazio urbano per rendere gradevole, allegra, una città in fase di industrializzazione. Ė una precoce anticipazione dei temi fondamentali della poetica estetica del Liberty quali la trasparenza, la luce, il colore e dalla forte valenza spaziale, tipica dello stile. Per tutti questi aspetti il palco della musica può considerarsi il manifesto del Liberty spezzino.

giardini spezia

Liberty a La Spezia

La Prima Esposizione Internazionale d’Arte Decorativa Moderna di Torino del 1902 segna ufficialmente l’ingresso del Liberty in Italia ma a La Spezia il fenomeno è già in piena espansione, preparato da eventi locali e nazionali di enorme portata.- I fattori che concorrono alla fioritura del nuovo stile, sinonimo di libertà sono molteplici, primo fra tutti, la decisione di Cavour di creare a La Spezia la base militare più importante del Regno d’Italia, dalla quale scaturisce un’autentica Rivoluzione Industriale, portatrice di disagi ma anche di progressivo benessere ed entusiasmo per le Arti e l’Architettura. - Molto attenti alle vicende italiane e straniere sono gli amministratori locali come G.B.Paita, tre volte sindaco della città, tra i primi ad aderire alla Giovane Italia, deputato provinciale nel 1866, promuove insieme al sindaco G.B. Carrani Massa l’acquisto del Palco della musica, la costruzione delle case operaie (1885-1889) e il Porto Mercantile (1894-97), decisioni illuminate che aprono la strada al Liberty con l’edificio di E.Bianchi, su progetto di C.Piaggio, 1899.

Cavour, il generale Chiodo e l'Arsenale Militare a La Spezia

La sinergia tra il periodo storico, la peculiarità del territorio e i personaggi che si sono avvicendati a La Spezia tra l'Unità di Italia e il primo ventennio del '900 ha creato la città come oggi la conosciamo.
Grazie alla sua morfologia ricca di insenature 'porti naturali' fu scelta da Camillo Benso conte di Cavour e dal Generale Domenico Chiodo per farne la base navale più importante del Regno Unito. Inizia così lo sviluppo dell'urbanistica con la costruzione di nuovi edifici militari e privati, fabbriche e fucine artigianali che seguivano i principi dell'Art and Crafts londinese.

Andel : Chi Siamo
il 5/5/2010 17:00:00 (8959 letture)

L’associazione Andel nasce a La Spezia nel 2009 da un gruppo eterogeneo di artisti, scrittori, architetti, musicisti, grafici, liberi professionisti amanti del pensiero liberty, inteso come fusione di tutte le arti, comprendente anche l'artigianato artistico.
È nostra intenzione operare un censimento degli edifici liberty in Italia, onde evitare che le opere di questo periodo vengano distrutte, dimenticate, mal conservate.
Andel si propone di promuovere le nuove arti emergenti appoggiando iniziative culturali e promuovere L'Art Nouveau spezzina nel contesto italiano.
Primo obiettivo dell'associazione è far conoscere La Spezia come itinerario culturale-turistico a livello europeo.

palazzo comunale




Palco della Musica - La Spezia
palco della musica,manifesto del Liberty spezzino
monografia


 
:: Associazione Nazionale Difesa Edifici Liberty. Architettura, Arti, Artigianato. Presidente Valeria Scandellari / Italia / Liguria / ::
Site By ScreenStyle::